Un solo pittore mostra come il Bitcoin e l’arte possono andare insieme

Chi ha detto che arte e bitcoin non vanno d’accordo? Un artista sta cercando di dimostrare che sono la coppia perfetta e ha intrapreso un progetto piuttosto ambizioso.

Bitcoin è composto da circa 12,3 milioni di nodi, e questo artista – conosciuto come Robert Alice – si è preso il tempo di dipingere a mano ciascuno di essi attraverso una serie di 40 quadri separati.

Bitcoin ha portato a una nuova cultura

Si trattava chiaramente di un progetto che richiedeva molto tempo. Tre anni per l’esattezza, e c’è da chiedersi perché un artista dovrebbe passare così tanto tempo a dipingere un mucchio di cifre su così tante tele individuali. Perché non passare un po‘ di tempo a dipingere quadri di campi o fiori o il cielo sopra di essi? Perché non un vasto lago o una nave in mare aperto? Perché non dipingere qualcosa di… beh… un po‘ più artistico?

Alice dice di vedere il vero valore del Crypto Trader e crede che sia uno strumento in grado di unire potenzialmente due mondi, in questo caso la cultura e la tecnologia. Sta chiamando la sua serie „Ritratti di una mente“, e ha inciso ogni dipinto con il codice sottostante il bitcoin utilizzando „macchinari specializzati“.

In un’intervista, ha discusso le ambizioni e le idee che stanno dietro a un progetto così grande:

L’idea centrale del progetto era: „Come si fa a creare qualcosa di reale valore culturale all’interno della sfera del bitcoin? Per me, la cosa su cui ho continuato a tornare è questa base di codice, perché è davvero la base stessa della cultura bitcoin.

Ben 20 degli ormai 40 dipinti sono già stati venduti da un appassionato londinese di bitcoin che si fa chiamare semplicemente „Gentilli“, a dimostrazione del fatto che gli amanti dell’arte possono trarre vantaggio dalla moneta digitale e viceversa. Uno dei primi acquirenti è stato Jehan Chu, che gestisce una società di investimento in capitale di rischio a catena di blocco. Dopo aver acquistato l’opera d’arte, ha menzionato:

Come primo bitcoiner, questo è il primo oggetto che sono orgoglioso di appendere alla mia parete per segnalare la mia storia nella rivoluzione del bitcoin.

Una delle più grandi invenzioni di sempre?

Gentilli terrà ora un’asta pubblica – che inizierà il 7 ottobre – per vendere i restanti 20 dipinti della collezione di Alice. Molte di queste opere dovrebbero vendere tra i 12.000 e i 18.000 dollari l’una. Gentilli ha rilasciato la seguente dichiarazione:

C’è la percezione, a livello globale, che il bitcoin sia venuto dal nulla. C’è questa idea che [è stato] inventato da [un] anonimo, e non ha alcuna base nel passato, [ma il whitepaper di Nakamoto] sarà uno dei documenti storici più importanti del XXI secolo… Il bitcoin è probabilmente il più grande balzo in avanti dai tempi della tipografia di Gutenberg. Penso che sia abbastanza importante ricollegarlo a questo senso di trascrizione e a questo senso di permanenza, che si ottiene con qualcosa come la Stele di Rosetta, ma è molto più difficile da quantificare visivamente e fisicamente con il bitcoin.

 

Dieser Beitrag wurde unter Bitcoin veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.